FreeMilano Press News Italia

Notizie in Anteprima – Redazione Online milanese

  • Accessi unici

    • 333.909 hits
  • maggio: 2019
    L M M G V S D
    « Apr   Giu »
     12345
    6789101112
    13141516171819
    20212223242526
    2728293031  
  • soundcloud

  • #Social #Free #risorse #internet #radio

    fb_ico tw_ico ig_ico
    Le mie nuove
    Web Radio
  • Archivio storico

  • Blog che seguo

  • Traduci

WAITING FOR MOEBIUS MILANO Dom 26 maggio PRANZO EVENTO DI ENRICO CROATTI ALLA LOCANDA SAN LEONE, SUI COLLI RIMINESI

Posted by Freemilano su 23 maggio 2019

WAITING FOR #MOEBIUSMILANO 26 maggio PRANZO EVENTO DI #ENRICOCROATTI ALLA LOCANDA #SANLEONE, SUI COLLI RIMINESI

WAITING FOR MOEBIUS MILANO

PRANZO EVENTO DI ENRICO CROATTI ALLA LOCANDA SAN LEONE, SUI COLLI RIMINESI

VENT’ANNI DOPO, ENRICO CROATTI

TORNA ALL’ORIGINE, NEL LUOGO DOVE PER LA PRIMA VOLTA HA PRESO IN MANO LE REDINI DI UNA CUCINA, PER PROPORRE UN MENU SOSPESO TRA PASSATO E PRESENTE, DAL TITOLO “RITORNO AL FUTURO”.

Risultati immagini per enrico croattiIl primo amore non si scorda mai. Vent’anni dopo lo chef riminese Enrico Croatti, Stella Michelin in Italia e in Spagna, torna all’origine, nel luogo dove per la prima volta ha preso in mano le redini di una cucina, a soli 17 anni: la Locanda San Leone, a San Leo, sui colli riminesi. È qui che domenica 26 maggio sarà protagonista di un vero e proprio pranzo-evento intitolato “Ritorno al futuro”: protagonisti alcuni grandi classici del suo menu al San Leone alternati a piatti iconici del suo percorso di questi anni che lo ha portato sin qui e che tra poco evolverà ancora con il suo nuovo progetto, Moebius, l’apertura più attesa dell’estate 2019 a Milano. 

Moebius, nome liberamente ispirato al celebre fumettista francese, all’anagrafe Jean Giraud, aprirà a Milano alla fine di giugno in via Cappellini 25, nel dedalo di vie sempre più cool tra via Vittor Pisani e corso Buenos Aires. Con Moebius, che sarà diviso in due anime (un bistrot e un’Osteria gastronomica) Croatti – definito da molti «uno dei migliori talenti d’Italia» – farà il suo ritorno sulla scena ristorativa italiana. Riminese classe 1982, Croatti vanta un curriculum che, dopo la Locanda San Leone lo ha visto volare a Los Angeles per lavorare all’Angelini Osteria di Gino Angelini, poi in Spagna all’Akelarre con Pedro Subijana, tre stelle Michelin di San Sebastian; in Francia al Les Terrasses de Lyon del Villa Florentine di Lione, quindi tornare in Italia al Grand Hotel Miramonti Majestic di Cortina d’Ampezzo e pi tornare in Francia, a Lione, con Paul Bocuse a l’Auberge du Pont de Collonges. Un golden boy che illumina di stelle tutte le cucine di cui prende le redini: la prima l’ha conquistata nel 2013 a Madonna di Campiglio come executive chef del Dolomieu, dove ha firmato la carta per 10 anni fino al 2018, la seconda è arrivata lo scorso anno come chef dell’Orobianco di Alicante (progetto spagnolo che seguiva dal 2015), primo ristorante di cucina italiana a ricevere il riconoscimento in terra iberica. Ora la realizzazione del suo più grande (per ora) sogno nel cassetto, che cullava da tempo: arrivare a Milano.

Moebius, come detto, richiama alla memoria un autore d’avanguardia, sperimentale, un po’ folle, capace di ridisegnare un mondo: «È quello che voglio fare anch’io – spiega Croatti – ossia proporre un concetto nuovo di cucina, ritornando alle mie origini romagnole, quindi all’idea di osteria, ma contemporanea e gastronomica. Il locale sorgerà in un ex deposito di tessuti, su una superficie di 700 metri quadrati per 12 metri di altezza, con una specie di piattaforma sospesa in aria, una sorta di navicella spaziale dalla struttura architettonica impressionante, dove troveranno posto i 35 coperti del gastronomico. Sotto invece, ai piedi di un ulivo di 700 anni inserito in una teca in vetro, ci sarà un tapas-bistrot e american bar dove uniremo Spagna, Francia e Stati Uniti. Saranno un’ottantina di posti con piatti che andranno a celebrare le tradizioni dell’Appennino tosco-emiliano». Croatti, infatti, è romagnolo, mentre il 27enne Lorenzo Querci, proprietario di Moebius, è toscano e la sua passione per la cucina viene dall’impresa di ristorazione di famiglia nel senese: «Per questo – prosegue lo chef – abbiamo pensato di avviare uno studio specifico sulle cucine toscana e romagnola, fin dalle origini storiche, che proprio sull’Appennino trovano un punto d’incontro». Il tutto declinato in forma di tapas, alla spagnola, e poi i cocktail dell’american bar, musica jazz dal vivo, uno spazio dedicato alla vendita di vinili, orchestrato, oltre che da Croatti e Querci, anche da Luca Pilia (sous-chef), Paride Mencarani (maitre), Filippo Arrighi (sommelier) e da Marco Siclari (barman).

 

Via Sant’Antimo 102
San Leo – Emilia Romagna
47865, Italia  –  GMaps

 

 

Il pranzo-evento alla Locanda San Leone vuole essere una sorta di preambolo, di “waiting for” dell’apertura di Moebius, un “Ritorno al Futuro” (il titolo del menu che sarà proposto) perché l’evoluzione della cucina deve avere come punto di partenza le basi tradizionali, quelle che fanno parte di un grande patrimonio gastronomico da preservare.  www.locandasanleone.it

Ecco il menu “Ritorno al Futuro”

Torta di carote in salsa bernese

Scalogno agrodolce al lardo, foglie e fiori

Puntine di maiale all’orientale
e mazzancolle abbrustolite

Crostini post-moderni

Sformatino allo Squacquerone e funghi

Galletto al mattone in un raviolo,
sugo intenso

Manzo al bastone di quercia,
Erbe di campagna crude e scottate,
Patate al rosmarino

Cioccolato in Sudamerica ai frutti rossi,
ricordando la “settima strega”

“Biscotto e Caffè”

In abbinato ci saranno i seguenti vini:

Podere Vecciano Metodo Charmat Brut
Torre Fornello Olubra Metodo Classico Brut
Poggio della Dogana I Quattro Bastioni
La Morandina Moscato d’Asti

Acqua minerale Galvanina

Costo 50 euro a persona all inclusive, posti limitati. Prenotazioni alla  Locanda San Leone 0541/912194 oppure al 335/437709.

La Locanda San Leone è un incantevole borgo medievale immerso nelle colline della Valmarecchia, a soli 30 chilometri da Rimini. Locanda San Leone è parte della storia di questo territorio fin dal lontano XIII secolo. Risale infatti al lontano Medioevo il periodo in cui la struttura assume le sembianze di piccolo borgo, raccolto attorno al suo iconico mulino, e ha attraversato i secoli per giungere fino ai nostri giorni grazie al pregevole recupero conservativo realizzato dall’attuale proprietario Giancarlo Pianini Mazzucchetti. A disposizione degli ospiti, oltre al ristorante, ci sono sette stanze una diversa dall’altra, arredate con quella cura dei particolari e dei dettagli in cui si coglie lo spirito che ha animato l’opera di restauro. Nulla è lasciato al caso, eppure al tempo stesso si ha la percezione della naturalezza e della disinvoltura che derivano dalla personalità di questa struttura. Essere ospitati qui è davvero un’esperienza unica da vivere. La piscina in pietra con il patio ombreggiato, il grande parco e il lago la rendono un luogo incantevole e di grande atmosfera.

Gallery (Giusi Costa Ph.)

Questa presentazione richiede JavaScript.

Sorry, the comment form is closed at this time.

 
Modeemodi Press

Blog Redazione di Mode&Modi a cura di Laura Cusari

Fifty shades of Reds

IF YOU LIKE IT, WEAR IT!

MilanoPressit

Arte Cultura Food Beverage Fashion Design Moda Bellezza Salute Benessere Spettacoli Cinema Musica Notizie Teatro

MilanoNews.biz

Testata online di notizie utili per milanesi e non

Bakeka Annunci Gratis

cerco,offro,regalo,immobiliari

Nero Piuma

Blog di una scrittrice

Fashioncloudette's Blog di Claudia de Matthaeis

Live your life with style.......!!!

Meet The Artists - Art Box

Impara l'arte e non metterla da parte. Anto.

viviennelanuit

Non si sale mica nella vita, si scende. Lei non poteva più. Lei non poteva più scendere fin dove ero io… C'era troppa notte per lei intorno a me.“

Cucina, Divertiti e Assaggia

la cucina di famiglia fatta col cuore

ROMY_MC

All Style by Romina Cartelli

La Vita Attraverso Cinema e Arte

La vita attraverso il cinema

versicolando

anonimo nottambulo pervado

Marcela YZ

Il mio mondo

«ma Milan l'è on gran Milan»

«Non è vero che sono brutta. Non è vero che sopra di me c'è sempre la nebbia. Non è vero che sono fredda e penso solo ai soldi. [..] Per chi mi avete preso? Io sono Milano. E sono una bella signora.» ~ Un giorno a Milano

Blamod

Notizie in Anteprima - Redazione Online milanese

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: