FreeMilano Press News Italia

Notizie in Anteprima – Redazione Online milanese

  • Accessi unici

    • 321.498 hits
  • luglio: 2019
    L M M G V S D
    « Giu   Ago »
    1234567
    891011121314
    15161718192021
    22232425262728
    293031  
  • soundcloud

  • #Social #Free #risorse #internet #radio

    fb_ico tw_ico ig_ico
    Le mie nuove
    Web Radio
  • Archivio storico

  • Blog che seguo

  • Traduci

MOEBIUS APERTURA 29 LUGLIO MILANO Ristoranti

Posted by Freemilano su 24 luglio 2019

#MOEBIUS #APERTURA 29 LUGLIO #MILANO #Ristoranti #tapas #bistrot #osteria in via Cappellini 25 di #LorenzoQuerci e #Chef #EnricoCroatti – Fb: MoebiusMilano

MOEBIUS

via Alfredo Cappellini 25, Milano

IL 29 LUGLIO L’APERTURA PIU’ ATTESA DELL’ESTATE 2019 A MILANO.

IN CUCINA LO CHEF STELLATO ENRICO CROATTI, TRA AVANGUARDIE E RITORNO ALLE ORIGINI PER UN INNO ALLA CUCINA ITALIANA COME NON AVETE MAI GUSTATO FINO AD ORA

Moebius, l’apertura più attesa dell’estate 2019 a Milano firmata da Lorenzo Querci e dallo chef Enrico Croatti, finalmente inaugura il prossimo 29 luglio. Un’apertura a metà, solo della parte Tapa-bistrot, perché per l’Osteria gastronomica bisognerà attendere settembre.

«Finalmente ci siamo, Moebius apre anche se per il momento solo il bistrot – fa sapere Querci entusiasta -. Ci sono voluti tanti mesi di lavoro e tutti noi ci siamo rimboccati le maniche, lavorando giorno dopo giorno accanto ed insieme alle maestranze di cantiere, infondendo lo spirito e l’energia che ci contraddistingue e che vogliamo trasmettere a coloro che verranno a trovarci».

image 10

Croatti aggiunge: «Guardo Moebius e mi emoziona, è come l’avevo sempre sognato. Il bistrot è il primo segno di forte rottura di questo nuovo progetto: una formula innovativa che unisce le mie esperienze in Spagna e in Francia, di qui il nome Tapa (spagnolo) e bistrot (francese) per proporre una cucina italiana arricchita culturalmente di tutte le mie esperienze internazionali. Iniziamo dal bistrot perché prima di arrivare al “cuore”, che per noi è rappresentato dall’Osteria gastronomica, va esplorato il “corpo”, ossia il bistrot, appunto. A settembre, poi, apriremo anche il nostro cuore e saremo pronti a metterci ancora più a nudo per portarvi in un percorso di suggestioni frutto di 20 anni di esperienze, viaggi e ricerca che oggi mi hanno portato a tornare alla classica osteria riminese rivista in una chiave di lettura avanguardista».

Il locale sorge in un ex deposito di tessuti, su una superficie di 700 metri quadrati per 12 metri di altezza, con una specie di piattaforma sospesa in aria, una sorta di navicella spaziale dalla struttura architettonica impressionante, dove troveranno posto i 30 coperti del gastronomico. Sotto invece, ai piedi di un gigantesco ulivo di 700 anni inserito in una teca in vetro, c’è il Tapa-bistrot e American Bar (80 posti circa) dove si uniranno suggestioni spagnole, statunitensi e francesi (le tre esperienze più importanti di chef Croatti). Un locale unico nel suo genere, pieno di suggestioni, progettato dallo studio Q-Bic di Firenze e frutto di oltre 6 mesi di totale ristrutturazione, con un’atmosfera dal sapore industriale e contemporanea in cui cemento, vetro, ferro e legno si fondono creando un ambiente dagli spazi variegati, glamour ed eleganti, in cui sono stati inseriti anche un palco per i concerti di musica jazz e uno spazio per la vendita di vinili.

L'immagine può contenere: una o più persone, persone sedute, tabella, spazio al chiuso e spazio all'aperto

Al Tapa-bistrot si potrà gustare la proposta più smart, ma sempre estremamente intrigante e fuori dagli schemi, di Croatti, definito da molti «uno dei migliori talenti d’Italia». A pranzo il menu del Moebius Tapa-bistrot propone tre “Insalate moderne”, ossia Caprese con burrata ed erbe (10 euro), Barbabietole con gorgonzola o tofu (9 euro), Cesar salad in porchetta (10 euro); tra i primi piatti si trovano Nasi goreng indonesiano (12 euro), Mezze maniche alle seppie con i piselli (12 euro) e Spaghetti ai pomodori (10 euro); tra i piatti principali Vitello tonnato classico, patate prezzemolate (14 euro), Chicken cotoletta from Los Angeles to Milano (13 euro), Burrito (manzo alla brace in salsa guacamole) (14 euro); poi ci sono i “Fuori menu” Riso o pasta fra tradizione e modernità (10 euro), Direttamente dal mercato del pesce (15 euro) e Dall’antica macelleria (14 euro). Dulcis in fundo, Bouquet di frutti rossi al cioccolato fermentato (7 euro), Semifreddo ai pistacchi, wasabi e frutto della passione (7 euro), Crostatina alle pesche noci e zafferano, cremoso di fagioli bianchi alla vaniglia e limone (7 euro) e Il gelato (della gelateria TERRA, Milano) (5 euro). A cena, invece, ci sono le “Tapas mutanti”, 4 proposte abbinate ad altrettanti drink ossia per aperitivi gourmet che promettono di lasciare il segno: Ceviche boom boom con il Margarita (18 euro), Anguria/tonno sashimi con il Negroni (18 euro), Pizzaiola estemporanea con il Bloody Mary (18 euro), Ostriche allo champagne con un calice di Champagne Drappier Charles de Gaulle (20 euro). Ci sono poi le “Tapas Moderne” da condividere: Carne cruda, foglie e fiori Scalogno caramellato, lardo e paté (7 euro), Toast iberico al Pata Negra (16 euro), Crocchetta di calamari al nero, acciughe e timo (11 euro), Cozze alla birra non filtrata (8 euro), Raviolo in metamorfosi (10 euro), Burrito messicano (13 euro). I dessert sono uguali a quelli proposti a ora di pranzo, con l’aggiunta di uno dei piatti signature di Croatti, il Tiramisù di Mamma Franca.

Grande attenzione anche al pane, preparato da Pavè, laboratorio artigianale di pasticceria che utilizza lievito madre e una cottura su pietra.

L’American Bar invece proporrà (dai 10 ai 18 euro) una decina di cocktail, tutti originalissimi: METABARONE (Bitter Campari, gin infuso alla salvia, vermouth bianco, angostura, assenzio, timo, essenza di chiodi di garofano, polvere di barbabietola), KOLBO-5 (Aperol infuso al timo, birra bionda, limone), GOLEM (Blended rum, overproof rum, Falernum, lime, pompelmo, sciroppo alla cannella, aromatic bitter, assenzio), IL GIARDINO DI EDENA (Gin infuso al basilico, sakè, bitter allo yuzu, essenza di lavanda, Matcha), NAUSICAA (Tequila, caviar lime, zucchero in acqua di mare, foglie d’ostrica, jalapeño, sale nero Hawaii), ALBERO MATER (Vodka infusa al kaffir, Mixturae, zenzero, spremuta d’arancia, spremuta di lime, miele, essenza di mandarino), JERRY CORNELIUS (Gin, Creme de Figue Edmond Briottet, lime, salvia, zenzero, assenzio), LUZ DE GARRA (Tequila, miele, spremuta di lime, sedano essiccato, vodka infusa al peperoncino), IL SOGNATORE (Mezcal, spremuta d’arancia, Grand Marnier e Velluto), ARZAK (Vodka infusa al pepe lungo del Bengala, sciroppo al caffè, pompelmo rosa, albume, tè Lapsang). Oltre a questo, c’è una selezione di distillati e la possibilità di comporre i propri cocktail coadiuvati dalla creatività del bartender Marco Siclari.

Moebius, nome liberamente ispirato al celebre fumettista francese, all’anagrafe Jean Giraud, aprirà a Milano alla fine di luglio in via Cappellini 25, nel dedalo di vie sempre più cool tra via Vittor Pisani e corso Buenos Aires. Con Moebius, Croatti fa il suo ritorno sulla scena ristorativa italiana. Riminese classe 1982, Croatti vanta un curriculum che lo ha visto volare a Los Angeles per lavorare all’Angelini Osteria di Gino Angelini, poi in Spagna all’Akelarre con Pedro Subijana, tre stelle Michelin di San Sebastian; in Francia al Les Terrasses de Lyon del Villa Florentine di Lione, quindi tornare in Italia al Grand Hotel Miramonti Majestic di Cortina d’Ampezzo e poi tornare in Francia, a Lione, con Paul Bocuse a l’Auberge du Pont de Collonges. Un golden boy che illumina di stelle tutte le cucine di cui prende le redini: la prima l’ha conquistata nel 2013 a Madonna di Campiglio come executive chef del Dolomieu, dove ha firmato la carta per 10 anni fino al 2018, la seconda è arrivata lo scorso anno come chef dell’Orobianco di Alicante (progetto spagnolo che seguiva dal 2015), primo ristorante di cucina italiana a ricevere il riconoscimento in terra iberica. Ora la realizzazione del suo più grande (per ora) sogno nel cassetto, che cullava da tempo: arrivare a Milano.

Moebius, come detto, richiama alla memoria un autore d’avanguardia, sperimentale, un po’ folle, capace di ridisegnare un mondo: «È quello che voglio fare anch’io – spiega Croatti –, ossia proporre un concetto nuovo di cucina, ritornando alle mie origini romagnole, quindi all’idea di osteria, ma contemporanea e gastronomica». Croatti, infatti, è romagnolo, mentre il 27enne Lorenzo Querci, proprietario di Moebius, è toscano e la sua passione per la cucina viene dall’impresa di ristorazione di famiglia nel senese: «Per questo – prosegue lo chef – abbiamo pensato di avviare uno studio specifico sulle cucine toscana e romagnola, fin dalle origini storiche, che proprio sull’Appennino trovano un punto d’incontro». Il tutto declinato in forma di tapas, alla spagnola, e poi i cocktail dell’american bar, musica jazz dal vivo, uno spazio dedicato alla vendita di vinili, orchestrato, oltre che da Croatti e Querci, anche da Luca Pilia (sous-chef), Paride Mencarani (maitre), Filippo Arrighi (sommelier) e da Marco Siclari (barman).

Annunci

Sorry, the comment form is closed at this time.

 
Modeemodi Press

Blog Redazione di Mode&Modi a cura di Laura Cusari

Fifty shades of Reds

IF YOU LIKE IT, WEAR IT!

MilanoPressit

Arte Cultura Food Beverage Fashion Design Moda Bellezza Salute Benessere Spettacoli Cinema Musica Notizie Teatro

MilanoNews.biz

Testata online di notizie utili per milanesi e non

Bakeka Annunci Gratis

cerco,offro,regalo,immobiliari

Nero Piuma

Blog di una scrittrice

Fashioncloudette's Blog di Claudia de Matthaeis

Live your life with style.......!!!

Meet The Artists - Art Box

Impara l'arte e non metterla da parte. Anto.

viviennelanuit

Non si sale mica nella vita, si scende. Lei non poteva più. Lei non poteva più scendere fin dove ero io… C'era troppa notte per lei intorno a me.“

Cucina, Divertiti e Assaggia

la cucina di famiglia fatta col cuore

ROMY_MC

All Style by Romina Cartelli

La Vita Attraverso Cinema e Arte

La vita attraverso il cinema

versicolando

anonimo nottambulo pervado

Marcela YZ

Il mio mondo

«ma Milan l'è on gran Milan»

«Non è vero che sono brutta. Non è vero che sopra di me c'è sempre la nebbia. Non è vero che sono fredda e penso solo ai soldi. [..] Per chi mi avete preso? Io sono Milano. E sono una bella signora.» ~ Un giorno a Milano

Blamod

Notizie in Anteprima - Redazione Online milanese

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: