FreeMilano Press News Italia

Informazione libera no-profit a Milano – Redazione Online di Enrico Rasero

  • soundcloud

  • Accessi unici

    • 399.707 hits
  • luglio: 2022
    L M M G V S D
     123
    45678910
    11121314151617
    18192021222324
    25262728293031
  • #Social #Free #risorse #internet #radio

    fb_ico tw_ico ig_ico
    Le mie nuove
    Web Radio
  • Archivio storico

  • Blog che seguo

  • Traduci

Archive for the ‘arte’ Category

#FILM I #PROFUMI DI MADAME WALBERG – #EVENTO 9 GIUGNO ARENA PALAZZO REALE #MILANO

Posted by Freemilano su 5 giugno 2021

#FILM I #PROFUMI DI MADAME WALBERG – #EVENTO #SPECIALE MERCOLEDI 9 GIUGNO ALL’ #ARENA DI PALAZZO REALE A #MILANO

evento-milano

Siamo felici di informarvi che la deliziosa commedia francese I PROFUMI DI MADAME WALBERG del regista Grégory Magne, in uscita nelle sale cinematografiche italiane il prossimo 10 giugno, sarà presentata in ANTEPRIMA ESCLUSIVA a MILANO mercoledì 9 giugno nella suggestiva cornice dell’ ARENA di PALAZZO REALE, Piazza Duomo, 12 alle ore 21.15.

L’evento è organizzato in collaborazione con IL MUSEO DEL PROFUMO, che con la passione e gli attenti studi del direttore Giorgio Dalla Villa e della curatrice Daniela Candio, dal 2004, raccoglie e racconta l’ Arte, la Storia, i Misteri e i Miti dei grandi Essenzieri e delle Case di Profumo del passato, e con la collaborazione di SPEZIERIE PALAZZO VECCHIO, l’ esclusivo brand che tramanda i segreti della profumeria rinascimentale racchiudendoli nelle sue pregiate essenze.

I prestigiosi partner della serata offriranno al pubblico presente un omaggio di essenze e profumi pregiati.

Interpretata dall’affascinante Emanuelle Devos (apprezzata interprete di Fai Bei Sogni di Marco Bellocchio) e dal travolgente Grégory Montel (protagonista della serie Netflix di successo Chiami il mio agente), I PROFUMI DI MADAME WALBERG è un’ inebriante ed elegante commedia francese che la stampa internazionale ha già definito come “Un film che emana un aroma singolare, sottile, seducente, del tutto irresistibile”, “una bella storia di amicizia che colpisce dritto al cuore e stimola l’ immaginazione. Un mini corso di doni profumati della natura. Un vero piacere.”

I PROFUMI DI MADAME WALBERG narra dell’incontro tra Anne Walberg, una raffinata e leggendaria creatrice di profumi, e Guillaume Favre, l’ insolito e carismatico nuovo chauffeur che le viene assegnato per accompagnarla durante le missioni. Tanto criptica, ermetica e distaccata lei, quanto socievole, aperto e curioso lui. È un mondo nuovo quello dei profumi, che Guillaume osserva con stupore e meraviglia, un po’ perchè prestando attenzione agli odori gli vengono in mente i profumi della sua infanzia, un po’ perchè è affascinato dalla complessità del mestiere di “Naso”, dalla capacità degli esperti di riuscire a identificare in uno spicchio di limone la sua provenienza, la sua “essenza” profonda. Ma per quanto l’aura misteriosa di Anne Walberg e il suo lavoro esercitino un’ innegabile attrattiva su di lui, Guillaume non è disposto ad accettare le bizze e il comportamento irriconoscente della signora….

I PROFUMI DI MADAME WALBERG è un racconto di due opposti che si incontrano e si scontrano, si allontanano e riavvicinano ma, al tempo stesso, si contaminano e trasformano, creando insieme un “bouquet floreale” nuovo e prezioso.

La complicità tra Anne e Guillaume è una composizione che associa gli opposti … proprio come i profumi!

Vi aspettiamo numerosi per appassionarvi, come noi, alle vicende di questi due seducenti protagonisti e condividere insieme in anteprima un’originale esperienza “cinematografico-olfattiva”!

Nel frattempo non dimenticate di visitare le pagine Twitter e Facebook ufficiali del film:

GRAZIE A TUTTI!

Twitter: @SatineFilm

Facebook:

Satine Film https://www.facebook.com/satinefilm/

la pellicola https://www.facebook.com/IProfumiDiMadameWalberg

in collaborazione con

Posted in arte, cinema, eventi, info, milano, spettacoli | Contrassegnato da tag: , , , , , , , | Leave a Comment »

il Teatro alla Scala annuncia la scomparsa di Carla Fracci

Posted by Freemilano su 27 Maggio 2021

il #Teatro alla #Scala di #Milano annuncia la #scomparsa di Carla Fracci

Il Teatro alla Scala annuncia con commozione la notizia della scomparsa di Carla Fracci avvenuta oggi nella sua casa di Milano. Il Teatro, la città, la danza perdono una figura storica, leggendaria, che ha lasciato un segno fortissimo nella nostra identità e ha dato un contributo fondamentale al prestigio della cultura italiana nel mondo.

Si comunica che la camera ardente per Carla Fracci sarà aperta venerdì 28 maggio dalle ore 12 alle ore 18 (ultimo ingresso ore 17.30) presso il foyer del Teatro alla Scala.

Potrebbe essere un'immagine raffigurante una o più persone e spazio al chiuso“Con Maria Taglioni Carla Fracci è stata la personalità più importante della storia della danza alla Scala” ha dichiarato il Sovrintendente Meyer. “Cresciuta all’Accademia, ha legato intimamente il suo nome alla storia di questo Teatro. Nei mesi scorsi ho avuto il piacere di accoglierla diverse volte alla Scala dove veniva spesso e a gennaio siamo stati felicissimi di riaverla a trasmettere la sua esperienza alle giovani interpreti dell’ultima Giselle, che è stata per tutti un momento indimenticabile. La penseremo sempre con affetto e gratitudine, ricordando il sorriso degli ultimi giorni passati insieme, in cui si sentiva tornata a casa”.

Il Direttore del Corpo di Ballo Manuel Legris ha dichiarato: “Ci lascia stupiti, in punta di piedi come Giselle, spirito che resta con noi, riempie le sale ballo, il palcoscenico e i nostri cuori, come la sua energia mai sopita, che ci ha catturato e affascinato quando è tornata a riabbracciare il Teatro e i suoi artisti. Un grande vuoto che, allo stesso tempo, ci fa sentire ricolmi e ricchi di tutta la sua storia, che è la storia del balletto, privilegiati per aver condiviso la sua arte che è vita, leggendario modello e fonte di ispirazione di tutte le generazioni di ballerine”.

Carla Fracci è una figura cardine della storia della danza e di quella del Teatro alla Scala, ma anche un personaggio di riferimento per la città di Milano e per tutta la cultura italiana. La storia fiabesca della figlia del tranviere che con talento, ostinazione e lavoro diventa la più famosa ballerina del mondo ha ispirato generazioni di giovani, non solo nel mondo della danza. Entrata nel 1946 alla Scuola di Ballo del Teatro alla Scala, dove studia tra l’altro con Esmée Bulnes e Vera Volkova, Carla Fracci si diploma nel 1954 e nel marzo 1955 partecipa al “Passo d’addio delle allieve licenziande della Scuola di ballo” al termine di una rappresentazione de La sonnambula diretta da Leonard Bernstein con la regia di Visconti e Maria Callas protagonista. Nello stesso anno si rivela al pubblico sostituendo Violette Verdy nella Cenerentola di Prokof’ev e inizia un’ascesa che dal 1958 la vede prima ballerina. Nello stesso anno John Cranko, dopo Il principe delle pagode, la vuole nella parte di Giulietta in trasferta veneziana a San Giorgio Maggiore e la invita alla Royal Festival Hall, inizio di un’ascesa internazionale che tocca i maggiori palcoscenici e le più importanti compagnie del mondo, ma in cui la Scala conserva un ruolo centrale. Qui Carla Fracci danza tra gli altri con Mario Pistoni, Roberto Fascilla, Vladimir Vassiliev, Amedeo Amodio, Paolo Bortoluzzi, Mikhail Barishnikov, George Iancu e negli anni più recenti Massimo Murru e Roberto Bolle. Partner fondamentali restano Erik Bruhn, che le schiude le porte degli Stati Uniti, e Rudolf Nureyev con cui forma una coppia leggendaria. Interprete d’elezione dei grandi balletti romantici e delle nuove versioni dei classici create da Nureyev, la Fracci è anche dedicataria alla Scala di un numero imponente di nuove coreografie pensate per lei, da Sebastian di Luciana Novaro a La strada di Nino Rota e Mario Pistoni, Pelléas et Mélisande e Images d’Ida Rubinstein di Beppe Menegatti, fino a Chéri di Roland Petit (danzato per l’ultima volta alla Scala nel 1999 con Massimo Murru), e carismatica interprete dei balletti incastonati nelle opere inaugurali di Stagione: da Guglielmo Tell ai Vespri Siciliani e La Vestale, oltre che protagonista della rinascita di Excelsior con la regia di Pippo Crivelli. Proprio nella parte della Luce in Excelsior Carla Fracci ha calcato per l’ultima volta il palcoscenico del Piermarini nel 2000.

Nel gennaio 2021 Carla Fracci è tornata alla Scala su invito del Direttore del Ballo Manuel Legris per preparare le coppie di interpreti della ripresa di Giselle (Nicoletta Manni con Timofej Andrijashenko e Martina Arduino con Claudio Coviello) in due masterclass trasmesse dai canali social del Teatro e riprese nell’ambito della docuserie “Corpo di Ballo” trasmessa su RaiPlay e Rai5.

Milano, 27 maggio 2021

Posted in arte, info, milano, teatro | Contrassegnato da tag: , , , , , , , , | Leave a Comment »

LE SIGNORE DELL’ARTE

Posted by Freemilano su 26 aprile 2021

#PalazzoReale di #Milano apre in #sicurezza e ospita la grande #mostra dedicata a “Le Signore dell’Arte”

MilanoNews.biz

Da martedì 27 aprile si aprono al pubblico e in totale sicurezza le sale di Palazzo Reale di Milano che ospitano la grande mostra dedicata a “Le Signore dell’Arte”, magnifiche artiste vissute tra il ‘500 e il ‘600, oggi finalmente tornate a risplendere.
Oltre 130 opere di 34 artiste, tra cui Artemisia Gentileschi, Sofonisba Anguissola, Lavinia Fontana, Elisabetta Sirani, Giovanna Garzoni e tante altre, per raccontare incredibili storie di donne talentuose e “moderne”.

Presentata alla stampa il 1 marzo e immediatamente costretta alla chiusura a causa delle restrizioni per il contenimento della pandemia, a partire da martedì 27 aprile è finalmente possibile poter ammirare le oltre 130 opere protagoniste della mostra Le Signore dell’Arte. Storie di donne tra ‘500 e ‘600 a Palazzo Reale di Milano, che resterà aperta fino al 25 luglio 2021.

Dal 2 marzo ad oggi la mostra è stata visitata soltanto online, con le visite guidate…

View original post 299 altre parole

Posted in arte, cultura, info, milano | Contrassegnato da tag: , , , , | Leave a Comment »

PER I PANETTONI GIOVANNI COVA & C. NUOVE IDEE GRAFICHE DAI GIOVANI ARTISTI DELL’ACCADEMIA DI BRERA

Posted by Freemilano su 9 gennaio 2021

PER I PANETTONI GIOVANNI COVA & C.
NUOVE IDEE GRAFICHE DAI GIOVANI ARTISTI
DELL’ACCADEMIA DI BRERA

Logo Accademia di Brera   con   Panettoni Giovanni Cova & C.

#Milano, 2021 – Nasce una nuova collaborazione tra l’ Accademia di Belle Arti di Brera e la Giovanni Cova & C.

L’azienda, interprete del “panetun de Milan” in Italia e nel mondo, in occasione del novantesimo dalla sua fondazione (1930-2020) si prepara a raccogliere nuove stimolanti idee per i suoi panettoni, con un progetto di ispirazione e stile, affidato agli allievi della prestigiosa scuola d’arte milanese. Sarà il loro contributo, a delineare i possibili tratti di una nuova identità aziendale che attinge alla modernità tenendo ben salda la tradizione. Saranno ben 12 i giovani artisti premiati con le borse di studio.

i panettoni Giovanni Cova & C. Accademia di BreraCome rendere memorabili i primi 90 anni? Una tappa importante per la Giovanni Cova & C, azienda italiana che rappresenta l’eccellenza nei lievitati da forno e distribuita, con il suo marchio internazionale BreraMilano1930 in oltre 62 paesi nel mondo. Un compleanno che l’azienda festeggia confermando la propria vocazione artistica e l’interesse per ogni forma di creatività e talento.

Il progetto parte dall’opportunità di affidare agli studenti dell’Accademia, coordinati dai loro docenti, lo studio di ideazione e realizzazione di elaborati, dove gli allievi hanno messo in pratica la loro crescita artistica nei diversi campi quali pittura, grafica, progettazione artistica, product design, fotografia e arti visive.

Le confezioni di Giovanni Cova & C. sono da sempre un elemento distintivo, tanto che ancora oggi le grafie e gli stilemi usati sin dalla sua fondazione ricorrono in buona parte della produzione aziendale, assieme ai progetti che hanno dato risalto a celebrazioni culturali e artistiche al fianco di importanti collaborazioni istituzionali e che hanno confermato quanto una confezione di pregio e una progettualità annessa possano costituire un elemento comunicativo e di condivisione emozionale con i propri estimatori.

i panettoni Giovanni Cova & C. Accademia di BreraComunicare sensazioni, storia ed esperienze attraverso l’arte fa parte del percorso che la Giovanni Cova & C. ha già intrapreso e che ha determinato l’inizio del sodalizio con l’Accademia di Belle Arti di Brera. Una nuova ambizione che punta ai giovani e al loro talento e in prospettiva a confermare il riconoscimento del “Made in Italy” inteso come combinazione tra genialità e tradizione.

Gli art work elaborati dagli studenti hanno come focus i valori dell’azienda pasticcera, quali eccellenza, bellezza, passione, tradizione, innovazione e autenticità; e puntano a valorizzare l’origine del panettone di lusso Milano e a sottolinearne la radice artigianale. L’indissolubile legame con la città di Milano, i suoi emblemi, la sua cultura, fino ad esplorare la moda e la bellezza, dagli 30 ad oggi, esplorando un percorso che va dall’uso vibrante dei colori, allo stile eclettico, moderno e bohémien. I ragazzi hanno lavorato anche sugli elementi grafici e gli stilemi distintivi: Il nome, la corona, il meneghino, il pattern Milano, le geometrie e gli abbinamenti. Ogni artista è stato chiamato per raccontare attraverso il proprio stile, le sue forme e i suoi colori la Food Experience e i momenti di condivisione in cui la marca è protagonista: il Natale, la tavola, la convivialità, il regalo; utilizzando anche nuovi font ed esplorando nuove tecniche e materiali.  Leggi il seguito di questo post »

Posted in arte, info | Contrassegnato da tag: , , , , , , , , | Leave a Comment »

Tiepolo alle Gallerie d’Italia Venezia, Milano, l’Europa

Posted by Freemilano su 18 dicembre 2020

#Tiepolo alle #GalleriedItalia #Venezia, #Milano, #Europa #Esperienza #digitale #immersiva www.gallerieditalia.com

Tiepolo. Venezia, Milano, l’Europa

Milano, Gallerie d’Italia – Piazza Scala
30 ottobre 2020 – 21 marzo 2021   

Mostra a cura di Fernando Mazzocca e Alessandro Morandotti

La visita virtuale, esperienza digitale immersiva

Questo è un viaggio alla scoperta di uno dei più grandi maestri dell’arte di tutti i tempi: Tiepolo. Insieme attraverseremo l’Europa esplorando alcune delle sue opere più significative. A guidarvi sarò io, suo figlio Giandomenico.

Esperienza digitale immersiva Entrata

Leggi il seguito di questo post »

Posted in arte, info | Contrassegnato da tag: , , , , | Leave a Comment »

Arte firmata Lorenzo Marini per Guzzini

Posted by Freemilano su 16 novembre 2020

#arte pret à porter firmata #LorenzoMarini per #Guzzini fratelliguzzini.com

L’arte pret à porter firmata Lorenzo Marini per Guzzini

ALPHABET MUG 'GOCCE'_GOCCE_TAZZE | GuzziniLettere che si rincorrono punteggiate qua e là da disegni iconici del mondo della parola scritta o parlata, il tutto giocato con colori brillanti e segni grafici definiti e accattivanti…. Questa la trasposizione di un’opera d’arte su un Mug firmato Lorenzo Marini.

Il binomio professionale Guzzini – Lorenzo Marini era nato nel 2018 con la realizzazione di Si Single, un vaso per un solo fiore, un oggetto semplice e raffinato, la reinterpretazione di un oggetto antico in chiave attuale, nata per promuovere il valore dell’unicità, dell’essere solo e il solo. Da quel momento il legame tra l’azienda e l’artista non si è mai interrotto e oggi li ritroviamo insieme con la collezione Alphabet. Ma da dove scaturisce questa nuova idea?

“Avevo appena terminato un’opera di lettere in libertà su tela e, a dire il vero, ne era soddisfatto. Ripensando a quanto le lettere siano uno strumento vivo perché danno origine alle parole e le parole hanno un’anima, mi sono immaginato che quelle lettere impresse sulla tela iniziassero una danza armonica e che le portava a volteggiare nella stanza appoggiandosi, qua e là, agli oggetti che incontravano” racconta Lorenzo Marini, pubblicitario, scrittore e artista italiano, “Sul mio tavolo c’era una cup bianca e improvvisamente l’ho vista animarsi grazie alle lettere colorate che tappezzavano la sua superficie. Il passaggio successivo è stato facile: ho raccontato a Domenico Guzzini la storia e così è nata Alphabet, un’opera d’arte con cui si può bere il caffè” ironizza lui.

“Per questa nuova collezione puntiamo soprattutto sui mug perché un oggetto trendy, ideale per contenere le bevande più di tendenza come caffè americano, tisane, infusi…” commenta Domenico Guzzini Presidente dell’omonima azienda marchigiana “Il mug come oggetto personale da portare anche in ufficio o da tenere sulla scrivania in questo periodo di smart working. Il mug come oggetto d’arte democratico perché depositario di un discorso artistico che dalle tele passa su accessori d’uso quotidiano e, di conseguenza, nelle case degli italiani”.

La finissima porcellana bianca fa risaltare i decori e crea oggetti perfetti per l’autoconsumo ma anche idee regalo originali ed eleganti grazie anche al gift box che li contiene. Oltre ai mug, che sono venduti singolarmente, appartengono alla collezione Alphabet anche le tazzine da caffè in set da due pezzi.  fratelliguzzini.com

Set 2 tazzine caffè ALPHABET_GOCCE_TAZZE | Guzzini

Posted in acquisti, arte, info | Contrassegnato da tag: , , , , , , , , , , | Leave a Comment »

RAFFAELLO raccontato da Sgarbi al Teatro Carcano di Milano

Posted by Freemilano su 28 ottobre 2020

#RAFFAELLO raccontato da #Sgarbi al #Teatro #Carcano di #Milano www.teatrocarcano.com

Teatro Carcano

AVVISO PER IL PUBBLICO

Cari Amici, le disposizioni introdotte dal DPCM del 24 ottobre 2020 impongono la chiusura dei teatri dal 26 ottobre al 24 novembre 2020 compresi. Pertanto, tutti gli spettacoli della stagione 2020-21 del Teatro Carcano inclusi in questo periodo vengono annullati.

AL TEATRO CARCANO DI MILANO VITTORIO SGARBI RACCONTA IL GENIO DI RAFFAELLO

Con Caravaggio, che debuttò al Festival La Versiliana nell’estate 2015, Vittorio Sgarbi intraprese un percorso tra luci e ombre alla scoperta di uno dei massimi geni della pittura. La sua performance, rivelatrice di straordinari fenomeni premonitori della contemporaneità, catturò gli spettatori, ammaliati dall’abile miscela di racconto, immagini e suoni che costituiva lo spettacolo. Una full immersion, quella nella complessa vicenda artistica e umana di Caravaggio, che venne in seguito rinnovata con gli altrettanto fortunati Michelangelo nella stagione 2017/18 e Leonardo nella 2018/19.  Leggi il seguito di questo post »

Posted in arte, cultura, info, spettacoli, teatro | Contrassegnato da tag: , , , , , | Leave a Comment »

Arte: FRIDA KAHLO in mostra A Milano

Posted by Freemilano su 19 ottobre 2020

#Arte: #FRIDAKAHLO IL CAOS DENTRO ALLA #FABBRICA DEL #VAPORE DI #MILANO #MOSTRA

FRIDA KAHLO IL CAOS DENTRO
ALLA FABBRICA DEL VAPORE DI MILANO

Fino al 28 marzo 2021

mostrafridakahlo.it

Prodotta in co-produzione con il Comune di Milano con il Patrocinio del Consolato del Messico di Milano la mostra vanta la collaborazione di numerose istituzioni quali il Banco del Messico, la Fondazione Leo Matiz, la Galleria Oscar Roman del Messico e il Detroit Institute Of Arts.

Si tratta di un evento di particolare rilevanza internazionale che prende in esame la vita e le opere della celebre icona messicana, amata e venerata per la sua vita, ricca di passioni e per il suo talento introspettivo, la mostra mette in risalto le principali caratteristiche della pittrice.

La vita e la creatività di Frida sono racchiuse in un percorso unico, adatto a tutti i gradi di istruzione. Le nostre guide saranno in grado di accattivare l’interesse degli studenti ed accompagnarli alla scoperta di una delle più grandi artiste di tutti i tempi.

Ideata per permettere uno sguardo più ampio sulla tradizione messicana, comprende anche l’universo artistico di Diego Rivera grande amore della pittrice.

Per maggiori informazioni mostrafridakahlo.it

In attesa di un cortese riscontro si porgono

Distinti Saluti

E’ POSSIBILE PRENOTARE LA VISITA GUIDATA SCARICANDO I SEGUENTI MODULI DI PRENOTAZIONE DA SUBITO.

INVIARE I MODULI DI PRENOTAZIONE A:  prenotazioni@navigaresrl.com


Video promozionale

Brochure informativa

Modulo prenotazione scuole

Modulo prenotazione gruppi

Posted in arte, info | Contrassegnato da tag: , , , , , | Leave a Comment »

Giovanni Cova & C. celebra Raffaello a Milano, Biblioteca Ambrosiana

Posted by Freemilano su 6 ottobre 2020

Giovanni Cova & C. celebra #Raffaello a #Milano 6 ottobre ore 11 presso la Veneranda Biblioteca Ambrosiana

NATALE 2020: GIOVANNI COVA & C. CELEBRA IL “DIVIN PITTORE” RAFFAELLO CON PINACOTECA AMBROSIANA E PINACOTECA DI BRERA

Il Panettone diventa il simbolo gastronomico della ripartenza post pandemia

Natale 2020: la pasticceria Giovanni Cova & C. con la nuova linea di esclusivi Panettoni, celebra Raffaello in occasione dei 500 anni dalla sua morte. I suoi capolavori e il suo inconfondibile tratto prendono vita negli incarti dei dolci natalizi, restituendo storia e bellezza. Un’iniziativa di grande levatura artistica, resa possibile grazie alla collaborazione con la Pinacoteca Ambrosiana e la Pinacoteca di Brera, unite straordinariamente per le celebrazioni di Raffaello.

500 anni fa moriva Raffaello, il divin pittore, genio del Rinascimento e con l’ambizione di riaffermare una nuova normalità riprendono anche le sue celebrazioni nel Mondo e in Italia. Il grande talento di Raffaello Sanzio ci ha regalato un percorso artistico senza precedenti che verrà appunto sottolineato anche nelle elegantissime confezioni che racchiudono i panettoni della storica pasticceria Giovanni Cova & C.
Con il mondo sconvolto dalla pandemia, le mostre dedicate a Raffaello sono state temporaneamente chiuse e nella comune volontà di ristabilire la giusta attenzione al genio urbinate, la Giovanni Cova & C., grazie anche alla preziosa partecipazione delle Pinacoteche, si è resa promotrice di una nuova forma di collaborazione tra istituzioni pubblico/privati e impresa.  Leggi il seguito di questo post »

Posted in arte, info | Contrassegnato da tag: , , , , | 1 Comment »

Arte Milano 7 ottobre Vernissage “Opere” di Angelo Molinari @GalleriaFrancescoZanuso

Posted by Freemilano su 2 ottobre 2020

#Arte #Milano 7 ottobre Vernissage “Opere” di #AngeloMolinari #GalleriaFrancescoZanuso

Stagione 2020/2021: “Opere”

Angelo Molinari

OPERE

Angelo-Molinari-Opere-1

 

Facebook
OTTOBRE
7
Vernissage Mercoledì 7 Ottobre 2020
dalle ore 16 alle ore 21
Mostra aperta fino al 29 Ottobre.
Orari galleria: dal lunedì al giovedì 15-19.
Venerdì mattina e altri orari su appuntamento:
cell. 335-6379291
Chiuso sabato e domenica.
francesco.zanuso@gmail.com
Galleria Francesco Zanuso
Corso di Porta Vigentina 26, Milano, 20122 (Italy)
Opere

Pur dovendo presentare il lavoro di un amico, lavoro che conosco da tanti anni, mi è inevitabile fare riferimento al nostro periodo storico. Un periodo di cambiamenti accentuati, legato all’intrusione massiccia dei sistemi di comunicazione nelle relazioni interpersonali ed ufficiali, accelerati e resi complessi da questa epidemia globale.
Se fino agli anni ‘90 del secolo scorso, la creazione artistica conseguiva da radici, a partire dal 2000, il sistema sociale e artistico internazionale che si è formato riconosce molto meno le filiazioni che affondano i propri riferimenti nella tradizione. La nuova struttura del sistema dell’arte, contribuisce a definire il post moderno, come struttura orizzontale dove compaiono i vari soggetti, presenti in un mercato che vede sulla propria superficie infinita, infiniti oggetti, apparentemente equivalenti per struttura .
E fra questi le produzione artistiche.
Angelo Molinari si forma all’Accademia di Urbino negli anni 70, un’accademia piccola ma di grande densità educativa, sia perché calata nella tradizione storica, sia perché operativa nelle molteplici tecniche espressive.
Molinari si forma in quel clima, ora difficilmente immaginabile. Proprio in quel clima matura approfonditi riferimenti, che lo porteranno ad estrarre il punto grammaticale del proprio operare, un segno che continuerà a ripetere. Un segno che è grammatica minima, grammatica che puó svilupparsi, e sviluppa possibili diverse sintassi.
La scelta di Molinari non si basa quindi su un possibile elemento distintivo all’interno del mercato (mercato identificativo del post moderno, tendenzialmente infinito ma strutturalmente orizzontale), come segno o gesto caratterizzante il ‘prodotto’, bensì Molinari individua un segno minimo raccolto dalla tradizione, con il quale aprire e creare nuovi mondi espressivi ed emozionali possibili, in un orizzonte spaziale strutturalmente aperto a molteplici dimensioni.
L’elemento concettuale mentale e metaforico, che risulta tanto necessario all’esplicitazione dei lavori d’arte contemporanei, soprattutto se è di marca concettuale, trova in questa premessa un saldo retaggio ed un effettivo robusto sviluppo.
Quindi se da un lato possiamo vedere Hsiao Chin, come riferimento di Molinari nella storia moderna dell’arte, possiamo osservare che laddove Hsiao Chin riduce la propria espressività all’evidenza del segno, ponte fra Oriente ed Occidente, Molinari trova una volontà costruttiva che da quel segno accetta il rischio di sintassi possibili.
Se la riduzione al minimo è un percorso facilmente individuabile nella pratica artistica degli ultimi decenni, di cui Hsiao Chin è stato protagonista, più difficile è capire quali sono le strade per una ricostruzione possibile.
E questo è l’impegno ed il rischio accettato da Molinari.
Quindi non ci troviamo di fronte una dichiarazione di esplicitazione di un lavoro possibile come è consuetudine dell’arte contemporanea, bensì un’apertura affidata ad un segno che viene riportato in in varie dimensioni e situazioni, queste si consentite dalla contemporaneità: superfici trasparenti, interrelazione e iati fra segni, passaggi da scultura a pittura, oltre che la corsività stessa della pittura che, dall’occhio, tende direttamente a costruire la dinamica emotiva.
Qui è l’incontro con l’attualità, e qui sta la possibilità di intravedere novità in quello che il cuore costante ed eterno dell’arte spinge a trovare in ogni tempo che cambia.

Paolo Iacchetti
Agosto 2020

Facebook
Website

open.php?u=ed5a3ba2890ea210f8c06aca8&id=974cb27284&e=13878eeea1

Posted in arte, info | Contrassegnato da tag: , , , , | Leave a Comment »

 
nonsolomilano.com

Rivista di attualità, moda, società

ALMA Real Estate

di Monica Spinelli

Modeemodi Press

Blog Redazione di Mode&Modi a cura di Laura Cusari

Fifty shades of Reds

IF YOU LIKE IT, WEAR IT!

MilanoPressit

Arte Cultura Food Beverage Fashion Design Moda Bellezza Salute Benessere Spettacoli Cinema Musica Notizie Teatro

MilanoNews.biz

Testata online di notizie utili per milanesi e non

Bakeka Annunci Gratis

cerco,offro,regalo,immobiliari

Nero Piuma

Blog di una scrittrice

Fashioncloudette's Blog di Claudia de Matthaeis

Live your life with style.......!!!

Meet The Artists - Art Box

Impara l'arte e non metterla da parte. Anto.

viviennelanuit

Non si sale mica nella vita, si scende. Lei non poteva più. Lei non poteva più scendere fin dove ero io… C'era troppa notte per lei intorno a me.“

Cucina, Divertiti e Assaggia

la cucina di famiglia fatta col cuore

ROMY_MC

All Style by Romina Cartelli

La Vita Attraverso Cinema e Arte

La vita attraverso il cinema

versicolando

anonimo nottambulo pervado

Marcela YZ

Influencer, Instagram influencer, Mini influencer